La credenza del gatto nero

La gatta Cenerentola del Pentamerone del Basile

Stampa in cui popolane ascoltano racconti da un demone.

Zezolla, istigata dalla maestra a uccidere la matrigna, crede che facendole avere il padre per marito sarà tenuta cara; ma dopo aver mandato all'altro mondo la matrigna(le decapita la testa lasciando cadere sul suo collo il coperchio di una cassapanca); dopo lo spasalizio del padre con la maestra, passa una settimana da "signotra" durante la quale è servita e riverita dalla maestra e nuova matrigna. Dopo di che la maestra la mette in cucina a sgobbare per lei e la chiama "Gatta cenerentola".
E' un racconto popolare particolarmente modificato dal Basile o dalla tradizione napoletana di tipo municipale. Qualcosa decapita, in origine, Zezolla, ed è la lussuria, l'effimero impersonato dalla testa recisa della matrigna.
Le matrigne o vedove risposate sono nel folklore indicate come donne lussuriose e vengono messe sotto le loro finestre delle gatte. Quindi le gatte sono le vedove e le matrigne e non le fanciulle come Zezolla. Zezolla coltivando una pianta di dattero ricorda le fanciulle recluse sette anni; infatti la pianta del dattero fruttifica dopo circa sei o sette anni, come la terra abbandonata a maggese lungo. E' l'iniziazione che le conferisce poteri speciali, ma nel contempo la costringe a lasciare la festa entro mezzanotte perchè risulta come morta. Il limite del periodo di morte, che in altri racconti è il tramontare del sole, in questo tipo di fiabe, è stato posticipato alla mezzanotte. Nelle iniziazioni l'iniziato nel morire e rinascere, nell'essere divorato e nell'essere espulso viene trasformato e perde qualcosa. Ma la menomazione è segno di prova superata. Quindi Zezolla perdendo la scarpetta manifesta il segno del suo cambiamento. E nelle antiche società di tipo clanico questo significava che fosse pronta per il matrimonio. Questa struttura iniziatica passando ad altre culture è stata fortemente travisata e il senso della perdita modificato. Comunque il fatto che solo lei può calzare la scarpetta rimane il segno della partecipazione all'iniziazione e della discesa nel mondo ctonio. Un paragone della scarpetta può essere la lingua o le lingue dei mostri che l'eroe ha ucciso. All'eroe che dorme il falso eroe strappa le lingue dalle teste dei mostri e millanta di essere il vero eroe e quindi di avere diritto a sposare la figlia del re. Ma l'eroe interviene e mostra le teste dei mostri uccisi e le lingue portate dal falso eroe vanno a pennello, diciamo calzano bene, nelle bocche delle teste dei mostri uccisi portate dal vero eroe. Quindi anche Zezolla è la vera eroina, perchè solo a lei calza la scarpetta.


Di seguito tutte le pagine che trattano del gatto


Lettera A Lettera B-Be Lettera Bi-Bz Lettera C1 Lettera C2 A.Camilleri A.Camilleri 2 Casati Modignani Lettera D-E Lettera F Lettera G-Gi Lettera Gl-Gz Lettera H-I-J Lettera K-Le Lettera Lf-LZ Lettera M-Me LetteraMi-Mz Lettere N-O Lettera P Lettera Q-R Lettera S-Sl LetteraSm-Sz Lettera T Lettera U-V Lett.da W a Z AA.VV. Dizionari Guide Lista libri


TAGS: Gatto, gatto nero, Bastet, Mafdet, Nilo, Sekmet, Bubasti, gatto e egiziani, Giuseppe figlio di Giacobbe, gatto selvatico, gatto domestico, Freyja, racconti irlandesi, Owney e Owney-na-pek, Putifarre, il gatto e il fuoco, il gatto come il vecchio, il gatto come la vecchia, il gatto nel folklore europeo, il gatto bruciato, gatto con gli stivali, gatto aiutante, gatto mammone, Cicella, Le tre fate, la fiabe dei gatti, proverbi sil gatto, modi di dire sul gatto, credenza sul gatto nero, Esopo, Il gatto e i topi, La bella Caterina, La gatta e Afrodite, Gatta Cenerentola, la scarpetta, Grande Madre, eunuco, coltivazione del dattero come durata periodo di reclusione della fanciulla.