Fiabe e Racconti popolari siciliani

Eroe lotta col mostro

Dalla raccolta in quattro volumi di Fiabe, novelle e racconti popolari siciliani che Giuseppe Pitrè diede alle stampe nel 1875. Fiabe e racconti in dialetto siciliano, trasposte sulla pagina così come le aveva ascoltate dalla viva voce dei suoi novellatori e e delle sue novellatrici: un'operazione condotta con uno scrupolo che non ha l'eguale in nessun altro repertorio della fiaba europea, nemmeno in quello dei fratelli Grimm.

Online Fiabe Novelle e Racconti popolari siciliani in dialetto(Progetto Manuzio)

Perodi Emma: Le novelle della nonna

€8,00
Newton Compton 2003 pagine 550, Rilegato con copertina, come nuovo

Recensione




Lu Re e li carzarati

(CCIV da Fiabe novelle e racconti popolari siciliani raccolti da Giuseppe Pitrè)

Raccontata da Giovanni Patuano di Palermo

Un Re di Cicilia 'na vota jiu a visitari 'na càrzara di carzarati, tutti cu' cunnanati vint'anni, cu' a trent'anni, cu' a vita; si misiru tutti a ringa aspittannu a lu Re chi passava.
Quannu lu Re cci fu pi davanti, spijò a lu primu: - Tu pirchì si' cca' cunnannatu? Chi facisti?
- Io, Maistà! Io sugnu 'nnuccenti; mi pigghiaru mentri era a la mè casa.
- E tu? - dici a lu secunnu -
- Io sugnu 'nnuccenti. Quannu mi 'ncatturaru io era curcatu.
- E tu? - dici a lu terzu.
Io sugnu 'mputatu d'aviri ammazzatu a unu; ma foru tutti calunnii, e soffru attortamenti.
'Nsumma a quantu dumammau lu Re, tutti si dettiru pi 'nnuccenti. L'urtimu cci dissi: - Maistà, io haju arrubbatu, haju ammazzatu, haju statu un sciliratu, e pi chissu mi cunnannaru 'n vita.
Comu lu Re 'ntisi accussì, vòtasi e cci dici: - E mentri è chissu, tu, gran birbantuni, nesci di 'mmenzu di galantomini, ca su' tutti 'nnuccenti, e 'un ponnu stari cu tia ca li guasti. -
- Lu pigghia e lu fa nèsciri a libbirtà, e accussì la virità fu primiata.


Traduzione: Il re e i carcerati
Un re di Sicilia un giorno si recò a visitare un carcere in cui c’erano detenuti condannati chi a venti, chi a trent’anni, chi a vita; messi in riga, aspettavano la venuta del re il quale quando fu dinanzi al primo, così gli chiese: -Perche’ sei in questo luogo? Cosa hai fatto di male?- Io, Maestà, sono innocente, mi presero che ero in casa mia…-
-E tu?- chiede al secondo…
-Io sono innocente. Quando mi presero ero nel mio letto, coricato -
-E tu?- chiese al terzo
-Io fui imputato di avere ucciso un uomo, ma sono tutte calunnie ed io soffro ingiustamente.
Insomma alle domande del re tutti si dissero innocenti. L’ultimo gli disse:-Maestà. Io ho rubato, ho ammazzato, sono stato uno scellerato, e per tutto ciò mi hanno condannato a vita.-
All’udire ciò, il Re si voltò e gli disse:- E allora, tu gran birbantone, non stare con questi galantuomini che sono tutti innocenti: questi quì sono tutti galantuomini, insieme a te, si guastano di sicuro.- Allora lo rimette in libertà, stando così a significare che chi dice la verità viene sempre premiato.



Pagine di fiabe novelle racconti popolari siciliani



Ritorna all'articolo principale

Tag:
Giuseppe Pitrè, Fiabe, novelle, racconti popolari siciliani, racconti siciliani, elenco completo fiabe novelle e racconti popolari siciliani, Agatuzza Messia, Rosa Brusca, Francesca Leto, Salvatore Salomone-Marino, Giuseppe Polizzi , Giovanni Patuano, diacronia del racconto popolare, i racconti popolari di Giufà, ipotesi etno-culturale dell'origine di Giufà, il ragazzo non iniziato, eroe greco che allontana le mosche, Cleomide di Astipalea, il contadino ilota come antico "canta la notti"


Pagine correlate a Giuseppe Pitrè

Giuseppe Pitrè

Fiabe Novelle e Racconti popolari siciliani di Giuseppe Pitrè

Agatuzza Mezzia


Vendita libri letti una volta, a partire da 16 euro spese spedizione zero

Lettera A Lettera B-Be Lettera Bi-Bz Lettera C1 Lettera C2 A.Camilleri Casati Modignani Lettera D-E Lettera F Lettera G-Gi Lettera Gl-Gz Lettera H-I-J Lettera K-Le Lettera Lf-LZ Lettera M-Me LetteraMi-Mz Lettere N-O Lettera P Lettera Q-R Lettera S-Sl LetteraSm-Sz Lettera T Lettera U-V Lett.da W a Z AA.VV. Dizionari Guide Lista libri