Fiabe e Racconti popolari siciliani

Eroe lotta col mostro

Dalla raccolta in quattro volumi di Fiabe, novelle e racconti popolari siciliani che Giuseppe Pitrè diede alle stampe nel 1875. Fiabe e racconti in dialetto siciliano, trasposte sulla pagina così come le aveva ascoltate dalla viva voce dei suoi novellatori e e delle sue novellatrici: un'operazione condotta con uno scrupolo che non ha l'eguale in nessun altro repertorio della fiaba europea, nemmeno in quello dei fratelli Grimm.

Online Fiabe Novelle e Racconti popolari siciliani in dialetto(Progetto Manuzio)

Perodi Emma: Le novelle della nonna

€8,00
Newton Compton 2003 pagine 550, Rilegato con copertina, come nuovo

Recensione




La mammana di la principissa-fata

(LV da Fiabe novelle e racconti popolari siciliani raccolti da Giuseppe Pitrè)

(raccontata da Agatuzza Messia di Palermo)

Cc'era 'na vota 'na mammana(1), ed era maritata. 'Na jurnata era 'nta la cucina chi facia lu manciari e si vitti affacciari 'na manu e senti diri:
" Amminni a mia(2)!" - Idda ha pigghiatu un piattinu, e cci l'ha jincutu di chiddu chi cucia. La manu ritorna e cci duna lu piattinu chinu di munita d'oru. Lu 'nnumani a ura chi idda facia lu manciari 'n'autra vota la manu: "Amminni a mia!" - Idda cci detti n'autru piattu cchiù granni, e la stissa manu cci lu ritorna chinu di munita d'oru.
'Nsumma pi lu cursu di novi misi sta manu fici sempri la stissa cosa, e la mammana a 'ngrussari sempri lu piattu sina chi s'arriduciu a un bello spillongu(3). Arrivannu a li novi misi menu jorna, di notti cci jeru a tuppuliari la porta a la mammana, ca la vuliani pi jiri a téniri(4).
Idda si vestì, scinni e trova 'nta la 'ntrata du' giaànti; cci abbennanu l'occhi, si la carricani supra la spadda, e santi pedi ajutatimi(5).
Idda 'un vitti cu' erano e unni la cunnucevano. Juncennu 'nta 'na 'ntrata, iddi cci livàru la benna; e la ficiru acchianari. Comu trasìu vitti 'na signura gràvita grossa: - Cummari, cci dici sta signura, vogghiu essiri tinuta di vui. - La cummaru s'ha statu ddà, e 'un si mossi cchiù. Jamu ca avianu passatu quinnici jorna, e lu maritu 'un vidennu a la mugghieri, cci cuminciaru a jiri li capiddi pill'aria; dicennu: "E comu! Ah! mugghieri mia, ca cci appizzasti la vita!".
Lu poviru maritu firriau tutta la cità circannu sempri di notti e di jornu. A li 15 jorna, dunca, sgravau la signura. Sta signura era 'na Principessa-fata, e fici du' belli figgi masculi.
Dici: "Cummari, aviti statu quinnici jorna, e 'n'autri quinnici jorna aviti a stari pi assistìrimi." E la mammana stetti n'àutri 15 jorna.
A lu misi, dici la Principessa: "Cummari, vi nni vuliti jiri?" - " Comu cumanna vostra 'Ccillenza."
" Comu vuliti essiri pagata - ci dici la signura - a pugnè o a pizzichè?(6)" - Dici idda 'ntra idda, la mammana: "Si cci dicu a pizzichè, haju tempu a mòriri; megghiu cci dicu a pugnè, ammenu moru cchiù prestu " - cridennu ca cci vulia dari pugna. Dici: "A pugnè".
La Principessa ha chiamatu a li du' giaànti e fa purtari un saccu granni di munita d'oru e n'àutru saccu la mità di chiddu; ha pigghiatu e cci l'ha fattu nèsciri a pugna ddi li giaànti, e cci ha fattu carricari n'autru saccu. (I due giganti riportano la mammana a casa con i due sacchi di monete d'oro).
Lu maritu di la mammana quannu 'un la vitti spuntari cchiù, la critti morta e si vistiu di niuru. Tuppulianu li giaànti, e iddu, lu maritu, si critti ch'era l'arma di sò mugghieri. Dici: "Ti scunciuru pi parti di Diu." - " Un mi scunciurari, ca sugnu tò mugghieri. Grapi!"
Lu maritu, cchiù mortu ca vivu, va a grapi; comu la vidi dici: "Ma idda veru mè mugghieri è - e si l'abbrazza. - Ora unn'hà statu? Io ti cridia morta."
Comu vitti però li denari, e idda cci cuntò tutti cosi, finiu lu luttu e 'un parrò cchiù di nenti. Unca sta mammana cu stì gran dinari lassò di fari la mammana, misi carrozza, àbbiti javanu e àbbiti vinianu(7); era 'na signura di li primi di Palermu.
Ddoppu deci anni passava di li Quattru Cantuneri 'n carrozza, ma na carrozza di vera gala. Jisa l'occhi, e si senti chiamari.
" Psi psi! Acchianati!". Era 'na signura ca la chiamava supra. Idda scinni di la carrozza e acchiana supra, a palazzu. La signura comu l'appi di facci e facci, cci dissi: "Cummari, mi canusciti?"
" Nonsignura."
" Comu! 'un vi rigurdati ca io sugnu dda signura chi mi vinistivu a tèniri deci anni nn'arreri, quanni io vi trattinni 'un misi cu mia, e feci sti belli picciriddi?.. Io sugnu puru chidda chi pruija la manu, e v'addumannava lu manciari. Io era 'nta la cummitiva di li fati; e si vui nun eravu ginirusa di darimi lu manciari, la notti murìa. E pirchì fustivu ginirusa, arricchistivu. Ora io mi sciugghivi di la cummitiva, e sugnu ccà cu li me' figghi."
La mammana, alluccuta, taliava e binidiciu ddu mumentu chi cci avia fattu dd'attu ginirusu. Accussì, addivintaru amici pi sempri. Iddi arristaru filici e cuntenti, Nui semu ccà e ni munnamu li denti.


Note:
(1)- mammana: levatrice
(2)- amminni a mia: danne a me(di ciò che cuoci)
(3)- spillongu: piatto largo e bislungo
(4)- pi jiri a téniri: per andare ad assistere una partoriente
(5)- e santi pedi ajutatimi: e scappano via
(6)- comu vuliti essiri pagata-ci dici la signura-a pugnè o a pizzichè?: Come volete essere pagata a pugni o a pizzicotti? (secondo la novellatrice pugnè e pizzichè sono parole di lingua francese.
(7)- àbbiti javanu e àbbiti vinianu: faceva un grande sfoggio di abiti nuovi



Pagine di fiabe novelle racconti popolari siciliani


Li palli magichi

La mammana di la principissa fata

La mammana di la principissa fata..traduzione

Lu pappagaddu chi cunta tri cunti

La troffa di la razza

Bianca-comu-nivi-russa-comu-focu

Bianca-comu-nivi-russa-comu-focu, rielaborato in italiano

Lu re di Spagna e lu milordu 'nglisi

Lu re di Spagna e lu milordu..riassunto italiano

Cchiù si campa e cchiù si sapi

Lu re e li carzarati

I racconti più significativi del Giufà

Ipotesi etno-culturale dell'origine di Giufà

Ci appizzau lu sceccu e li carrubbi

Racconti Volume 1°

Racconti Volume 2°

Racconti Volume 3°

Racconti Volume 4°

Ritorna all'articolo principale

Tag:
Giuseppe Pitrè, Fiabe, novelle, racconti popolari siciliani, racconti siciliani, elenco completo fiabe novelle e racconti popolari siciliani, Agatuzza Messia, Rosa Brusca, Francesca Leto, Salvatore Salomone-Marino, Giuseppe Polizzi , Giovanni Patuano, diacronia del racconto popolare, i racconti popolari di Giufà, ipotesi etno-culturale dell'origine di Giufà, il ragazzo non iniziato, eroe greco che allontana le mosche, Cleomide di Astipalea, il contadino ilota come antico "canta la notti"


Pagine correlate a Giuseppe Pitrè

Giuseppe Pitrè

Fiabe Novelle e Racconti popolari siciliani di Giuseppe Pitrè

Agatuzza Mezzia


Lettera A Lettera B-Be Lettera Bi-Bz Lettera C1 Lettera C2 A.Camilleri A.Camilleri 2 Casati Modignani Lettera D-E Lettera F Lettera G-Gi Lettera Gl-Gz Lettera H-I-J Lettera K-Le Lettera Lf-LZ Lettera M-Me LetteraMi-Mz Lettere N-O Lettera P Lettera Q-R Lettera S-Sl LetteraSm-Sz Lettera T Lettera U-V Lett.da W a Z AA.VV. Dizionari Guide Lista libri


figure
action figure
statue
resolution shop.it tante
offerte
Statuine
collezione
Bandai
Banpresto
Good Smile
Diamond S.
Hot Toys
Squarenix
pronta consegna
Furyu
DC Comics
Ubisoft
Kotobukiya
Funko
Mezco,Neca
Game of Thrones
McFarlane resolution