Le zampate di micio Bavaglino



Fine maggio 2016

Renzi, il re del marketing in politichese, le elezioni comunali e il referendum confermativo

La classe politica, in questa vigilia delle elezioni comunali in più di 1300 comuni italiani, mostra la sua vitalità nella rincorsa alle poltrone di seconda fila. Pino Maniaci, di Telejato, pare che non aspirerebbe a diventare sindaco o consigliere comunale; meglio puntare, sempre secondo Pino Maniaci, alle poltrone di Roma, poltrone che secondo la riforma Renzi dovrebbero diminuire in quanto i senatori che accedono al Senato non saranno più di cento. Un "in bocca al lupo" per Pino Maniaci: se dovesse uscire indenne dalle inchieste della magistratura, la sua figura, marketingamente(un nuovo avverbio italo-inglese?!) parlando, potrebbe essere risollevata e porsi all'attenzione degli elettori.
Ma a quale partito Pino Maniaci, sempre nel caso di chiusure inchieste a lui favorerevoli, dovrebbe aggregarsi? Qui sta il punto cruciale. A parte le spinte populistiche della destra estrema(Lega collegata alla destra francese di Marine Le Pen) che proclama di osteggiare l'Unione europea (questo modo di fare lo vedo come l'abbaiare infuriato di molti cani di guardia quando sono protetti dalle sbarre), il panorama politico italiano non cambia molto.Centro destra, centro sinistra e sinistra non possono non tenere conto del debito enorme dell'Italia e dei trattati firmati con la UE. Ma nonostante tutto i partiti politici dichiarano di avere in serbo una diversità che li distingue da tutti gli altri partiti. Ma in seno agli stessi partiti ci sono pure le correnti e queste correnti proclamano di avere una visione particolare della cosa politica.
E' tutto marketing, marketing, marketing. Se stiamo in Europa gli uomini eletti dovrebbero essere di meno. Il risparmio per la riforma del Senato è uno specchietto delle allodole e il M5S lo predica e lo reitera. Se tutti i politici eletti si comportassero come quelli del M5S ci sarebbe un risparmio di 300 milioni l'anno. Il risparmio aumenterebbe se si riducesse pure il loro numero a partire dai consigli regionali e comunali. Poi ci sono in Italia molti comuni con meno di 500 abitanti: non dovrebbero essere accorpati ai comuni più vicini?
In Italia sicuramente diminuiscono le fabbriche, gli operai, ma aumentano notevolmente coloro che tentano la scalata politica. Il caso eclatante è Torino, dove c'è il record dei candidati sindaci, 18, e delle liste a sostegno, 38. Un articolo su repubblica.it rimarca il dato e riporta che sono più di ottomila i candidati per una poltrona in consiglio comunale e/o nelle otto circoscrizioni. Nel Piemonte, invece, secondo torinotoday.it sono dimimuiti dal 2008 al 2014 di ben 88mila unità gli occupati.
Queste elezioni comunali saranno indicative per il referendum confermativo della riforma costituzionale Renzi-Boschi? Il referendum è tutt'altra cosa e vedrà in campo solo due opposti schieramenti: quello a favore del si, e quello a favore del no. Il referendum confermativo non prevede per essere valido una partecipazione almeno del 50% più un voto degli elettori. Vincerà lo schieramento che conseguirà anche un solo voto in più dell'altro schieramento. Le previsioni? Nettamente favorevoli al SI(vedi polisblog.it).

Già per il si è schierato il nuovo presidente di Confindustria, sono sicuramente favorevoli coloro che bazzicano gli ambienti bancari e gli ambienti culturali(il governo pare punti sulla cultura, sui musei e sulle grandi opere monumentali). Berlusconi è per il no, come la Lega e altri partiti della destra. Per il no il M5S, ma la capacità organizzativa del M5S in caso di referendum è dubbia. Il partito Dem è corroso da dubbi, ma infine prevarrà lo spirito di corpo. Tra i motivi, pare, che secondo i sondaggi, portano al Si c'è il marketing di Renzi, Boschi e tutto l'apparato: stanno cavalcando lo spirito dell'antipolitica e non dimenticano mai di menzionare la diminuzione dei parlamentari. Peccato che se vince il Si, dovremo fare a meno di un "perfetto", ovvero il bicameralismo.

Renzi in bicicletta sotto l'arco di Tito a Roma

E se vincesse lo schieramento per il No? In questo caso Renzi non potrà passare in pompa magna sotto l'Arco di trionfo, dovrà dire addio all'aereo personale da 175 milioni e tornare a pedalare.




Le zampate di fondo di micio Bavaglino in questa pagina

Renzi a casa, soprattutto i giovani e il sud bocciano la proposta referendaria del governo Renzi. Di certo il governo Renzi non ha aiutato i piccoli commercianti e le partite IVA che investono su se stessi un piccolo capitale
Amazon apre altri stabilimenti, i commerciani italiani chiudono, ma su Marte fra qualche anno lavoreranno per gli uomini i robot
Hillary Clinton sconfitta, al 69° compleanno(26 ottobre) più 13 giorni sono stati rovesciati i sondaggi
Renzi, il re del marketing in politichese, le elezioni comunali di giugno e il referendum confermativo a ottobre
La vicenda dei migranti economici, la coincidenza dei negoziati segreti del trattato commerciale USA-UE TTIP con la scoperta dei motori diesel Volkswagen taroccati
Il popolo greco ha detto no alle condizioni della Troika, ma Tsipras, infine ha accettato le condizioni richieste dei burocrati UE. Lo Stato greco è uno Stato veramente indipendente o lo è solo pro-forma?
UE e l'attuale guerra in economia. Ci sono tanti generali, cioè burocrati e politici, e sempre meno soldati, cioè lavoratori
La questione del latte in polvere per la_produzione casearia
Consulenze alla Troika: Un affare da milioni di euro con zone oscure, conflitti di interessi e parcelle eccessivamente alte
Le armi, la Grecia, la Merkel e Sarkozy
L'Unione europea come una nonna non più fertile
Italia in panne, ma Europa contraddittoria e a favore delle multinazionali
Una giacca alla Mao per politici dopo flop elezioni regionali Emilia e Romagna e Calabria
Pan vive, non è morto, grazie alla ministra Lorenzin
La preghiera dell'onorevole micio all'Italia
Renato Brunetta proposto come presidente della Repubblica
Grillo forse intraprende viaggio nel deserto.
Gli ultimi servizi di Report di RAI 3.