Interventi di Gianfranco La Grassa

Intervista a Gianfranco La Grassa (21-11-18) Basta con l'economicismo, consapevole scelta reazionaria (13-10-18) Continuiamo, che fatica riunire le forze(22-8-18) O una svolta o l'immondizia dilagante(2-8-18) Non fine ma prosieguo messinscena (03-06-18) Pur nell'incertezza il gioco si fa chiaro (14-05-18) Basta con questa meschina politica(19 4 18) Smettiamola di tergiversare(14-4-18) Addosso ai criminali che si fingono liberatori(12-4-18) Le mene elettorali (7-2-18) Sintomo dopo sintomo (7-02-18) Le miserie di questa Italia e(02-02-18) Il gioco continua(09-01-18) Che esaltanti elezioni! (el.Sicilia)(07-11-17) Quali nuovi conflitti e..?(07-10-17) Arriviamo preparati alla nuova(10-7-17) E adesso si vuol capire?(05-06-17) Di Trump...in Trump(21-05-17) Una nuova guerra fredda?(13-05-17) Alcune verita' che sembrano(30-04-17) En marche ..Con i pigmei..(26-04-17) Cominciamo a dirci alcune verita'


COMINCIAMO A DIRCI ALCUNE VERITA’

(fonte Conflitti e strategie)


figure
action figure
statue
resolution shop.it tante
offerte
Statuine
collezione
Bandai
Banpresto
Good Smile
Diamond S.
Hot Toys
Squarenix
pronta consegna
Furyu
DC Comics
Ubisoft
Kotobukiya
Funko
Mezco,Neca
Game of Thrones
McFarlane resolution

Questo è uno dei primi articoli del Prof. Gianfranco La Grassa, economista e saggista, che viene ospitato in questo sito. Gianfranco La Grassa è professore emerito di politica economica alle università di Pisa e Venezia(quì una sua breve biografia con le ultime sue pubblicazioni). Ha scritto decine di saggi pubblicati con le più importanti case editrici italiane, da Editori riuniti a Feltrinelli, e parecchi suoi studi hanno avuto traduzioni in varie lingue.

Per fare conoscere il pensiero di Gianfranco La Grassa viene pubblicato in altre pagine una introduzione che scrisse qualche anno addietro il compianto Costanzo Preve.

COMINCIAMO A DIRCI ALCUNE VERITA’(USA e ONG)

Le ONG, ormai chiare coadiuvanti dei flussi migratori, sono organizzazioni criminaloidi di stampo filoatlantico (cioè filo-Usa), che hanno sempre appoggiato sommosse e cambio di regimi in quella direzione. E ciò non penso cambierà con Trump. Il fatto che tali flussi siano alimentati e orientati in date direzioni da simili banditi fa capire che non vi è nulla di semplicemente “spontaneo e disordinato” nel processo di migrazione in corso; e nemmeno si tratta solo di “disperati” che fuggono da situazioni “tragiche”. E' in corso una gigantesca operazione di disfacimento sociale e politico dei paesi europei, da ridurre a semplici pedine ossequienti agli Usa nella fase storica in cui stanno comunque crescendo degli antagonisti, fra qualche tempo globali, degli stessi.
Adesso capiamo meglio la lungimiranza di coloro che, dopo il crollo dell’Urss e il momentaneo monocentrismo Usa, hanno individuato nell’Italia una pedina importante per premunirsi in vista di mosse strategiche future. All’uopo hanno promosso l’azione che condusse all’annientamento della prima Repubblica e al tentativo di creare un nuovo regime con i peggiori servi di sempre: i postpiciisti – che già avevano iniziato il loro tradimento filoamericano all’inizio degli anni ’70 con la segreteria ben nota, grande strombazzatrice di falso moralismo – e la sinistra Dc più alcuni brandelli “amatiani” del Psi. Purtroppo, per meri interessi di poco respiro si levò contro quel progetto l’insieme “berlusconiano” che poi, negli ultimi anni, ha messo la coda tra le gambe ed è divenuto complice dello stesso progetto, portato però avanti dai centri dirigenti statunitensi con una serie di variazioni indotte nella sedicente “sinistra”, dato il fallimento di quella postpiciista e traditrice.
Sia chiaro che quella che chiamiamo “sinistra” non ha nulla a che vedere con quella, pur sempre filoamericana, ma condotta da personaggi come Craxi in Italia, Brandt e Schmidt in Germania, ecc. Adesso abbiamo il peggio del peggio, inetti e “banditi da trivio”, servi senza più il benché minimo barlume di qualche azione autonoma. Bisogna combattere e annientare una simile falsa sinistra con metodi assai diversi da quelli “democratici” del voto. Non ce ne libereremo mai in questo modo. Bisogna distruggerla, disperderla, incenerirla. Però qui non si vede nulla, salvo chi balbetta di sovranismo e antieuropeismo, di lotta alla finanza ecc. No, cretini o in malafede che siete. La finanza, non meno della “sinistra”, è strumento nelle mani dei peggiori criminali mai esistiti in politica: gli ambienti dirigenti americani, che avvertono la possibilità di gravi dissidi interni, ma soprattutto il pericolo dell’inizio di un lento declino. Di conseguenza, cercano intanto di sfruttare la loro per il momento insuperata potenza militare e una rete di “alleanze” (del tutto asservite) che nessun altro “Impero” ha mai posseduto.
Smettetela di creare partitini proclamatori di “autonomia nazionale” per soddisfare le piccole ambizioni di chi è restato fuori dei grandi centri organizzatori della servitù agli Stati Uniti. Non dobbiamo mandare altri tirapiedi nelle grigie aule dell’inutile Parlamento. Dobbiamo invece promuovere una forte ventata di sputtanamento di quest’ultimo e della bugiarda “democrazia all’americana” (quella dei gangster e di successive “notti di S. Valentino”), che in settant’anni ci ha ridotto all’azzeramento di ogni nostra potenzialità. Ci si alzi contro la “sinistra” e tutti coloro che le si rendono complici. Si cominci un’azione intanto culturale che demistifichi tutte le menzogne raccontateci a partire, non solo ma soprattutto, dalla seconda guerra mondiale. E si mostri infine tutto il marcio (e anzi ancor peggio) delle azioni di questa “democrazia”. Basta con l’inutile can can sovranista e anti-UE se poi serve solo per cercare di eleggere qualche smanioso di diventare parlamentare con tutti i privilegi annessi. Chi sarà nel prossimo futuro un autentico leader politico, userà ben altri metodi (non sconosciuti, già usati in tempi più degni degli attuali) per annientare finalmente tutti i traditori e gli infidi che parlano con “lingua biforcuta”. Amen!

Introduzione al pensiero marxista di Gianfranco La Grassa secondo Costanzo Preve

C. Preve su Gianfranco
La Grassa (1)
C. Preve su Gianfranco
La Grassa (2)
C. Preve su Gianfranco
La Grassa 3
C. Preve su Gianfranco
La Grassa 4
C. Preve su Gianfranco
La Grassa 5