Interventi di Gianfranco La Grassa

Intervista a Gianfranco La Grassa (21-11-18) Basta con l'economicismo, consapevole scelta reazionaria (13-10-18) Continuiamo, che fatica riunire le forze(22-8-18) O una svolta o l'immondizia dilagante(2-8-18) Non fine ma prosieguo messinscena (03-06-18) Pur nell'incertezza il gioco si fa chiaro (14-05-18) Basta con questa meschina politica(19 4 18) Smettiamola di tergiversare(14-4-18) Addosso ai criminali che si fingono liberatori(12-4-18) Le mene elettorali (7-2-18) Sintomo dopo sintomo (7-02-18) Le miserie di questa Italia e(02-02-18) Il gioco continua(09-01-18) Che esaltanti elezioni! (el.Sicilia)(07-11-17) Quali nuovi conflitti e..?(07-10-17) Arriviamo preparati alla nuova(10-7-17) E adesso si vuol capire?(05-06-17) Di Trump...in Trump(21-05-17) Una nuova guerra fredda?(13-05-17) Alcune verita' che sembrano(30-04-17) En marche ..Con i pigmei..(26-04-17) Cominciamo a dirci alcune verita'


Pur nell'incertezza il gioco si fa piu' chiaro

(fonte Conflitti e strategie)


figure
action figure
statue
resolution shop.it tante
offerte
Statuine
collezione
Bandai
Banpresto
Good Smile
Diamond S.
Hot Toys
Squarenix
pronta consegna
Furyu
DC Comics
Ubisoft
Kotobukiya
Funko
Mezco,Neca
Game of Thrones
McFarlane resolution

Il prof. Gianfranco La Grassa, economista e saggista, di cui si pubblicano le opinioni in questo sito è professore emerito di politica economica alle università di Pisa e Venezia(quì una sua breve biografia con le ultime sue pubblicazioni). Ha scritto decine di saggi pubblicati con le più importanti case editrici italiane, da Editori riuniti a Feltrinelli, e parecchi suoi studi hanno avuto traduzioni in varie lingue.

Per fare conoscere il pensiero di Gianfranco La Grassa viene pubblicato in altre pagine una introduzione che scrisse qualche anno addietro il compianto Costanzo Preve.

Pur nell'incertezza il gioco si fa piu' chiaro

14 maggio 2018.
Si continua a fare politica tramite la magistratura. Si era iniziato con “mani pulite” (rifaremo semmai la cronistoria), ancora un mese fa con la sentenza di Palermo si è tenuto “sotto schiaffo” il “nano” per presunti contatti con la mafia, adesso lo si “riabilita” (termine del tutto improprio perché la condanna resta e la pena è stata scontata) per consentirgli di rientrare al Senato (c’è sovraffollamento tra i suoi fan, magari a pagamento, per lasciargli uno scranno nell’“alta camera”) e mettere meglio i paletti (comunque già lo sta facendo da tempo) alle mosse di Salvini. Ho sentito ieri sera anche la “ragazzotta bionda” di FdI, che stimavo un po’ e che ha dimenticato (ha voluto dimenticare) come il “leale alleato” l’abbia fottuta alle Comunali di Roma presentando Marchini e facendole perdere il ballottaggio a favore del piddino Giachetti. Il “basso” politicante, recatosi nel 2011 a piegarsi davanti a Obama, non ha mai abbandonato veramente il patto del Nazareno. Questo è saltato proprio per poter continuare sotto traccia, senza aperti connubi Pd-FI, in modo da essere ancora più efficace.
Il vile gioco del “neobadoglio” (con il “bel tipino” Renzi) è stato messo in crisi dall’inaspettato sorpasso della Lega su FI il 4 marzo. Si sono messi di buzzo buono; per un certo periodo l’“argine al populismo” e la garanzia di assoluta “fedeltà” della “regione” Italia al potere centrale europeista (in sottile contrasto tra Macron e Merkel) è stata assunta dal “governatore” di detta regione. Adesso con il rientro del “nano” si potrà più apertamente giocare almeno in due a quest’“argine”, nel mentre Renzi ha scongiurato fin da subito ogni possibile contatto con “altri” (tipo ad es. i 5 stelle). Ieri sera, appunto, dall’Annunziata la Meloni ha fatto chiaramente capire che, con l’entrata ormai aperta del berlusca in campo, è poco utile che Salvini continui a giocare con Di Maio. Era del tutto evidente il consiglio di non proseguire nella trattativa e di far fallire il governo. E dopo che questi ipocriti di Lega e Fdi avevano tuonato contro i voltagabbana – e proponevano perfino un cambio di Costituzione in modo che chi fosse stato eletto parlamentare in un partito, se cambiava idea, fosse obbligato a dimettersi – ieri sera la Meloni diceva che è ancora possibile tornare ad un governo di centro-dx (mancante di almeno una cinquantina di senatori e anche deputati) in grado di trovare i voti in Parlamento, cioè appunto quelli di chi viene eletto da una parte e si sposta dall’altra.
Sono tutti sommamente disgustosi e marci opportunisti, solo interessati a basse operazioni di potere. Adesso vedremo gli effetti della "riabilitazione" sulla nascita o meno di questo già “affannato” governo. Ma se anche nasce, lo sarà per poco. Già è intervenuto Maroni a sostenere di tornare a giocare apertamente con il “nano”. E il “leale” Salvini (altro personaggio la cui ambiguità è ormai manifesta a tutte lettere) farà durare assai poco questo governo, anche nascesse. Tornerà l’“inciucio” se questa popolazione continua a non capire nulla delle manovre di questi furfantelli da trivio. Si conferma che siamo servi. Qualcuno, come Salvini, manifesta idee un po’ diverse (molto poco) in fatto di UE e di rapporti (solo commerciali) con la Russia, ma garantisce tutte le alleanze con la UE, con la Nato, con gli Usa (chiunque vincerà in tale paese “padrone”). Tutto è di una chiarezza smagliante; anche l’incapacità della popolazione di afferrare che tutti questi sono materiale di scarto, rifiuti accoccolati in discariche a pieno controllo di poteri stranieri. E c’è chi finge patriottismo, rispolvera ideali di una insopportabile vecchiezza ultrasecolare, mostrando solo d’essere un ipocrita e un falso. Che epoca! Di una bassezza mai riscontrata dalla nascita di questa nazione.
P.S. Sento adesso la voce del possibile premier: Giulio Sapelli o Conte. A dir la verità, se ben ricordo le ultime cose sentite, il primo non sarebbe niente male. Quindi dico magari; Conte meglio di no. Tuttavia, mi auguro che non brucino subito il proposto. I “garanti” della fedeltà dell’Italia alla UE sono sempre pronti ad utilizzare quella grossa “inesattezza” su Einaudi che nomina Pella. Ricordo bene il fallimento nel 1953 della “legge truffa” (così è passata alla storia; e il premio di maggioranza scattava al 50% +1 non al 40% come propongono questi “democratici” che vogliono il “bene del popolo”, cioè di un 40% di votanti, non di elettori, che comanderebbero così sulla maggioranza della popolazione). E da quel fallimento, nacque (dopo un primo incarico a De Gasperi o qualcosa di simile) la nomina di Pella, che era comunque del partito di maggioranza. Allora adesso, il “garante delle Istituzioni” dovrebbe semmai nominare un premier del partito di maggioranza; magari non Di Maio ma uno di quel partito. Così fece Einaudi! Non dico altro perché sapete cosa può accadermi se rivelo quello che penso. Ripeto che l’Italia è ridotta a semplice regione (e non a statuto speciale) dell’Europa, il cui potere centrale (oggi contestato ad est, Patto di Visegrad, e a nord, Svezia, Norvegia, Danimarca, ecc.) vede il sordo conflitto tra Francia e Germania. Entrambe per garantire la genuflessione agli Usa; la Francia blandisce un po’ Trump (con moderazione per vedere come andrà a finire), la Germania sta ancora dalle parti del precedente establishment. Una meraviglia, un’epoca di disfacimento di un’antica area di civilizzazione.


I numeri alla Camera e al Senato

Sopra un grafico, proveniente da ilsole24ore, che evidenzia gli eletti per partito alle scorse elezioni politiche del 4 marzo. M5S e Lega hanno i numeri per fare un governo.