Interventi di Gianfranco La Grassa

Intervista a Gianfranco La Grassa (21-11-18) Basta con l'economicismo, consapevole scelta reazionaria (13-10-18) Continuiamo, che fatica riunire le forze(22-8-18) O una svolta o l'immondizia dilagante(2-8-18) Non fine ma prosieguo messinscena (03-06-18) Pur nell'incertezza il gioco si fa chiaro (14-05-18) Basta con questa meschina politica(19 4 18) Smettiamola di tergiversare(14-4-18) Addosso ai criminali che si fingono liberatori(12-4-18) Le mene elettorali (7-2-18) Sintomo dopo sintomo (7-02-18) Le miserie di questa Italia e(02-02-18) Il gioco continua(09-01-18) Che esaltanti elezioni! (el.Sicilia)(07-11-17) Quali nuovi conflitti e..?(07-10-17) Arriviamo preparati alla nuova(10-7-17) E adesso si vuol capire?(05-06-17) Di Trump...in Trump(21-05-17) Una nuova guerra fredda?(13-05-17) Alcune verita' che sembrano(30-04-17) En marche ..Con i pigmei..(26-04-17) Cominciamo a dirci alcune verita'


ARRIVIAMO PREPARATI ALLA NUOVA EPOCA CHE S’APRE

(fonte Conflitti e strategie)


figure
action figure
statue
resolution shop.it tante
offerte
Statuine
collezione
Bandai
Banpresto
Good Smile
Diamond S.
Hot Toys
Squarenix
pronta consegna
Furyu
DC Comics
Ubisoft
Kotobukiya
Funko
Mezco,Neca
Game of Thrones
McFarlane resolution

Questo è uno dei primi articoli del Prof. Gianfranco La Grassa, economista e saggista, che viene ospitato in questo sito. Gianfranco La Grassa è professore emerito di politica economica alle università di Pisa e Venezia(quì una sua breve biografia con le ultime sue pubblicazioni). Ha scritto decine di saggi pubblicati con le più importanti case editrici italiane, da Editori riuniti a Feltrinelli, e parecchi suoi studi hanno avuto traduzioni in varie lingue.

Per fare conoscere il pensiero di Gianfranco La Grassa viene pubblicato in altre pagine una introduzione che scrisse qualche anno addietro il compianto Costanzo Preve.

ARRIVIAMO PREPARATI ALLA NUOVA EPOCA CHE S’APRE

Non pretendo certo di considerare la quota di “amici” che ho qui come un campione credibile. Tuttavia, alle volte qualche indicazione può essere tratta dall’atteggiamento di costoro. E’ del tutto evidente lo scarso successo dell’articolo da me messo e che riportava il sondaggio di scenarieconomici.it in merito ai favori che riscontrerebbe in Italia un eventuale (ma solo immaginato al momento) colpo di Stato militare. Ho anche aggiunto un mio commento con preferenza per altro tipo di presa del potere, che riscuota l’appoggio di una buona parte della popolazione e invece la contrarietà di quella parte ancora irretita da coloro che sono riusciti a farsi credere eredi di una prospettiva di completo cambiamento della strutturazione dei rapporti sociali. La quota della popolazione che ancora concede fiducia a tali imbroglioni – e che viene del tutto impropriamente e con grave errore di interpretazione storica definita “sinistra” – proviene dai “lidi” della “rivoluzione proletaria” ormai divenuta semplice e risibile speranza di capovolgimento delle posizioni tra ricchi e poveri.
Un altro fatto sembra piuttosto evidente. Quelli che hanno in qualche modo capito a quale terribile degrado stia portando la degenerazione della tendenza rivoluzionaria d’un secolo fa – oggi appunto ridotta a semplice pietismo, spesso ipocrita, per chi ha meno fortuna nella società odierna – brontolano e inveiscono contro questa ormai solo ipotetica “sinistra” (vero handicap della società “occidentale” odierna e di quella italiana in modo del tutto speciale), ma sono pur essi un po’ rimbambiti e imbevuti di credenza in una “democrazia”, che è semplicemente la recita elettorale. Le elezioni sono periodici (ogni tanti anni) sondaggi di opinione tra la popolazione investita dalla propaganda mediatica di gruppi di meschini personaggi, travestiti da uomini politici del tutto proni di fronte ai grandi centri strategici (che non sono soltanto economici e tanto meno semplicemente finanziari) dotati del reale potere. Tali centri di potere, in competizione tra loro, creano i sedicenti partiti. Il loro comportamento è quello normalmente utilizzato dalle grandi imprese produttrici, che so, di saponette, di profumi, e di ogni altro bene di consumo oggi in voga; tali organizzazioni entrano in accesa competizione anche (e talvolta soprattutto) tramite la pubblicità, in cui si raccontano fior di panzane circa gli strepitosi pregi dei loro prodotti.
Nulla di diverso fanno i vari partiti per conto dei suddetti centri di potere. E le elezioni “democratiche” sono nient’altro che il risultato di tale atteggiamento tipo vendita del “migliore” smacchiatore o detersivo, ecc. Questa farsa non ha nulla a che vedere con la democrazia; tanto è vero che il successo di simile ideologia, propagandata a piene mani dagli Stati Uniti, ha avuto successo sia per le indubbie condizioni oggettive che hanno consentito una forte crescita della potenza militare statunitense, sia per il “felice” connubio tra ceto dei politici e gangsterismo, assai efficace nell’apprestare quella struttura – con i partiti ridotti opportunamente a due per semplificare il quadro della competizione, anche se poi la situazione è in realtà assai più complessa rispetto alle semplici etichette – in grado d’essere assai flessibile e nel contempo piuttosto ben indirizzata tenuto conto della potenza d’un paese, fatta ovviamente di forza militare e di dotazione di sempre più avanzate strumentazioni belliche. Senza dubbio conta pure la capacità di imporre semplici e schematici elementi costitutivi della “cultura di massa” – quegli elementi che rendono le popolazioni sempre più stolide e credulone – e di utilizzare efficacemente sofisticati apparati di cosiddetta Intelligence (o Servizi).
Le più rilevanti “scosse” popolari del ‘900 – praticate dai popoli sotto la direzione di élite preparate a guidare la parte veramente attiva della popolazione secondo certi orientamenti in grado di prendere il sopravvento su altri ormai stantii e dunque superati – hanno commesso gravi errori. Non discuto minimamente delle indubbie tragedie o fenomeni umanamente condannabili cui possono avere dato luogo; parlo del loro significato politico e di mutamento delle strutture sociali, rilevato mediante un’analisi oggettiva e non soltanto guidata da umori, condanne morali, orrore per certi eccessi che certamente scuotono i nostri sentimenti. Secondo la mia opinione – senza dubbio influenzata da fatti specifici riguardanti la mia pratica di vita (sempre impregnata di certe scelte anche ideologiche) – la “rivoluzione d’ottobre”, e ciò che ne è seguito, è stata l’esperimento più valido fra le suddette “scosse”; e anche quello più duraturo e che nei fatti ha lasciato ancora degli esiti positivi poiché, pur dopo il crollo dell’Urss, non è sparito ogni effetto di tutta la storia precedente. Ciò non è accaduto né in Russia né in Cina, che sono non a caso i due veri paesi competitori degli Usa nella nuova epoca di multipolarismo apertasi da almeno un decennio e in via di accentuazione.
Indubbiamente, quella rivoluzione (iniziata nel 1917) – come pure quelle verificatesi in Italia e poi Germania e clamorosamente crollate in poco tempo – non ha adeguatamente compreso che la potenza, indubbiamente costituita da apparati bellici e d’informazione oltre che di centri direzionali dotati di indubbia intelligenza strategica, si serve nell’era moderna della ricchezza creata dagli apparati industriali, dalle ricerche innovative in campo tecnologico, ecc. Ci sono fin troppi “ingenui” (definiamoli benevolmente così) che credono ad una potenza economica e finanziaria decisiva e tuttofare; sarebbe questa alla guida del mondo. Non si è capito che tale fonte di “ricchezza” è fondamentale solo in quanto strumento delle strategie politiche condotte da gruppi organizzati, e necessariamente ristretti, di individui dotati di forte “intuito” relativamente alle situazioni oggettivamente favorevoli in cui intervenire, capaci di convincere importanti quote delle masse popolari e di effettuare le “giuste mosse” per ottenere il successo (a volte interviene anche la fortuna). Se questo complesso di fattori, innervante la vera politica, non sussiste, non sono sufficienti tutte le ricchezze del mondo per conquistare la supremazia. Tuttavia, non vi è dubbio che tali gruppi in azione, pur opportunamente attrezzati in senso strategico, sono favoriti – una volta ottenuta la preminenza e nel periodo di suo consolidamento – dalla presenza nel paese di ottime potenzialità in merito alla produzione di ricchezza.
L’ideologia della “rivoluzione proletaria” – per motivi su cui ho scritto a lungo, ma che necessitano ancora di analisi e di conoscenza storica – ha avuto indubbiamente effetti positivi nel primo periodo di sviluppo di una società ancora eminentemente contadina (come quella esistente in Urss, in Cina, ecc.); tuttavia, ha poi ostacolato e ritardato le successive e “più raffinate” fasi evolutive. Adesso, soprattutto in Russia, sembra si stia imparando la lezione. Tuttavia, si rischia di cadere sotto l’idea malsana della “democrazia” quale semplice sondaggio d’opinione elettorale. E’ necessario che le nuove potenze in crescita siano molto attente nel valutare le future tappe del loro rafforzamento. Gli Usa hanno alla fine vinto nella passata epoca (novecentesca), ma sembrano ora in relativo declino; anche culturale e con la loro mania “democraticistica” del tipo banalmente elettorale. Sono ancora potentissimi militarmente e in termini di creazione della ricchezza. Tuttavia, sembrano in difficoltà per quanto riguarda una nuova indispensabile spinta all’entusiasmo della parte più attiva della popolazione, che dovrebbe ormai scatenarsi contro i prodotti “cancerogeni” della “democrazia” detta liberale. Bisogna conciliare, cioè saldare, lo sviluppo industriale e tecnologicamente innovativo con una nuova forte convinzione in merito ai “destini d’un popolo”. Evitando le sciocche (perché sono sciocche, non solo fonte di orrori) aberrazioni “razziali”, alla fine negative per quanto concerne la tensione alla supremazia, che deve andare ben oltre il livello della repressione di ogni dubbio (invece spesso positivo e da non conculcare).
Per ottenere il predominio, bisogna conquistare una popolazione; cioè solo una parte perché vi sarà sempre la divisione tra chi alla fine aderisce alla novità e chi resiste sulle vecchie fole. Quest’ultimo va combattuto con radicalità, ma senza appunto ricorsi diversivi tipo l’inesistente superiorità razziale o l’avvento dell’“associazione dei produttori cooperanti”, che avrebbe dovuto travalicare il capitalismo (ormai già ben diverso da quello studiato e “predicato” da oltre un secolo a questa parte) per andare in direzione del socialismo e poi comunismo. Svanita, e per sempre, questa credenza così importante per gli eventi del XX secolo (malgrado alcuni superstiti ormai simili agli anarchici nel ‘900 dopo un certo successo nell’800), dobbiamo renderci infine conto d’essere entrati nella tipica fase di transizione ad una nuova epoca della storia delle pur differenti società esistenti.
Ricordiamoci sempre sia dell’hegeliana nottola di Minerva che s’alza in sul far della sera, sia dell’avvertenza marxiana che l’analisi raggiunge la sua maggiore credibilità “post festum”. Non si pretenda di saper oggi dire con certezza quali trasformazioni sono in corso. Bisogna però abbandonare al più presto le vecchie credenze, le superate ideologie; poiché le vetuste e talvolta ingombranti teorie della società sono per l’appunto divenute in larga parte delle ideologie, delle nuove forme di “fede” del tutto improvvide. La fede va lasciata alle religioni – e lo dico senza alcuna irrisione o sottovalutazione di quanto appartiene a tutta la storia dell’umanità e che non verrà mai superato dalla scienza come pensava ridicolmente il positivismo ottocentesco (e non solo, ne abbiamo anche oggi esempi) – mentre dobbiamo seguire le trasformazioni profonde sia dell’organizzazione dei rapporti internazionali tra i vari paesi, sia delle strutture dei rapporti sociali esistenti in questi paesi, da raggruppare spesso secondo determinate “sfere territoriali” (dotate di cultura e tradizioni relativamente comuni) della società mondiale.
Quindi: animo, darsi da fare. E’ indispensabile intanto procedere tramite ipotesi, pensate e formulate dopo il massimo possibile di attenzione ai caratteri dell’epoca che avanza. Dobbiamo, tuttavia, fare nostro il motto “sbagliando s’impara”, nel suo senso più profondo; cioè sbagliare proprio per imparare. E’ necessario compiere analisi nel modo più approfondito possibile e poi formulare comunque delle ipotesi conclusive basate su di esse, tuttavia consapevoli che incorreremo in errori più o meno gravi. Saranno però molto più gravi, anzi definitivi, se continuiamo con la solita “retorica” del vecchio bagaglio teorico (ormai “liquefatto” in ideologia) da noi certamente controllato con maggiore disinvoltura e sicurezza. Si tratta, però, di un atteggiamento del tutto errato, frutto della nostra incapacità di “cambiare d’abito” quando muta il “clima” in cui dobbiamo muoverci. Nemmeno, certamente, vanno formulate ipotesi senza la benché minima prudenza nel valutare le condizioni, che ci appaiono esistenti nel tempo e nel luogo cui dedichiamo la nostra attenzione. Malgrado ogni nostra precauzione commetteremo errori perché siamo nel “mezzo dell’oceano” (la nuova epoca) e non vediamo ancora “terra all’orizzonte”. Via via correggeremo la “rotta”, ma indirizzandoci assai diversamente rispetto al passato, abbandonando quello stupido bordeggiare la costa già conosciuta e ormai ridotta ad un deserto inospitale.
La gran massa delle persone ha già tanto da pensare per navigare nella più stretta quotidianità, magari allungata a qualche mese o pochissimi anni; fra l’altro, al fine di ottenere quelle condizioni (materiali) confacenti ai più immediati e stringenti bisogni e desideri, tipica “attrezzatura” (anche mentale) delle “maggioranze”. Come in ogni attività umana, devono esistere gruppi decisamente ristretti dediti al tentativo di comprendere le caratteristiche più complesse dei “tempi” in cui si svolge la vita sociale; caratteristiche che, nelle epoche di transizione, diventano appunto assai poco note e spesso sorprendenti, spiazzanti, squilibranti. Rivolgo dunque insistentemente l’invito ai giovani (non di primo pelo, spero sia chiaro) perché si formino piccole ma agguerrite “squadre” di analisi, studio, formulazione e sperimentazione di nuove ipotesi. I più vecchi, sempre senza pretendere i “grandi numeri”, devono dedicarsi alla spietata messa in discussione di tutte le ideologie passate, delle falsità raccontate, per ignoranza o mala fede, da storici che hanno raggiunto negli ultimi decenni la più sconsolante indecenza intellettuale (salvo le usuali rare eccezioni). Ripeterò senza sosta l’invito a mettersi insieme e a imparare (sbagliando) il “nuovo”, nel mentre si dichiara apertamente guerra al “vecchio”. Si “uccidano” i tromboni di una “sapienza” putrida, che ormai ricopre di melma ogni minima particella di conoscenza. Sia chiaro: si tratta di reali “assassini” e non meritano rispetto né pietà alcuna. Se li “lasciamo vivere” ancora a lungo, annienteranno ogni possibilità di arrivare preparati al compimento definitivo della nuova epoca (per il momento in evoluzione) onde affrontare le “procelle” che sempre si scatenano in quel frangente storico.
Però, cari giovani (e anche meno giovani), liberatevi della “cretinaggine” elettoralistica. Non è democrazia; finché non si guarisce da questa “lunga ossessione” neppure verrà superato il predominio americano. Nel secolo scorso ci sono stati alcuni tentativi di vincerlo, ma alla fine sono risultati rozzi e con errori di previsione (degli sviluppi delle relazioni internazionali e delle strutture sociali) estremamente gravi e decisivi. Alcuni di questi tentativi nemmeno hanno ben capito che il “capitalismo” (o quello che è) degli Stati Uniti era il vero dominatore del secolo; consideravano ancora prevalente l’Inghilterra.
Temo che occorrerà un lungo apprendistato per liberarsi del virus della “democrazia”; Decidetevi a sopprimerlo in voi.

Introduzione al pensiero marxista di Gianfranco La Grassa secondo Costanzo Preve

C. Preve su Gianfranco
La Grassa (1)
C. Preve su Gianfranco
La Grassa (2)
C. Preve su Gianfranco
La Grassa 3
C. Preve su Gianfranco
La Grassa 4
C. Preve su Gianfranco
La Grassa 5