HOME MIDI MITI MICI

MUSICA M.I.D.I. MITI RACCONTI POPOLARI E VARIA ATTUALITA'
Menu

Offertissime sulle action figures e le statuine di collezione disponibili e in preorder presso resolutionshop.it


Vendita libri letti una volta
Lo Cunto de li cunti di Giambattista Basile commentato da Salvatore La Grassa
iscriviti a ns.canale Youtube
Utility di ogni giorno
AMAT Palermo Linee e percorsi
Previsioni del tempo e viabilità
Calcola quando andrai in pensione
News salute e malattie
Il calendario dal 1940 al 2040
I film nei cinema e recensioni
Traduzioni online
Segnalato dai lettori - cronaca
Zampate di fondo di Micio Bavaglino
Evoluzione della fuitina a Palermo
Scrittori in erba e diffusione del tablet
Cultura politica
Gli interventi di
Gianfranco La Grassa
tecnology,videogames
Calcolo Ricavo, Margine, Sconto
Videogames in uscita
Come creare un video musicale
Mondo Cosplay
Glossario videoludico
Glossario telefonia mobile
Sicilia Sicilia
Link Sicilia
Link Palermo
Link antimafie
Link musei e archeo Sicilia
Patrimonio UNESCO di Sicilia
Trova percorso musei e archeo Sicilia
Calcoli e ricerche di Micio Bavaglino
Calcola I M U sulla casa
Calcola online rata mutuo
Calcola TAEG prestito online
Calcolatrice 4 operazioni
Calcola online codice IBAN
Verifica online codice IBAN
Calcola online codice fiscale
Verifica cod. fiscale
Calcolo calorie alimenti
Ricerca numeri telefono
Indice costo della vita
Indici e grafici ISTAT
Conversione valute misure numeri r.ni
Siciliani illustri
Franco Franchi e Ciccio Ingrassia
Francesco La Grassa
Nino Martoglio
Sport
Il Palermo calcio
Nino Catalano
Giovanni Frangipane
Luigi Zarcone
Cristian La Grassa atletica e bob
Gallerie di midi-miti-mici.it
Claudia La Grassa fashion designer
Mici e bassotto Dante Show
Gerarchia dei mici nel pasto
Galleria di resolutionshop.it
Pappagalli e merli che parlano

STORIE E ANEDDOTI DEL CICLISMO SICILIANO


Ricordo del ciclista palermitano Nino Catalano

Antonino Catalano, detto Nino, nacque a Palermo il 3 luglio 1932 e morì a Villafrati(PA) il 20 aprile 1987.
Verso la fine degli anni 50 nel ciclismo dilettantistico siciliano si misero in luce tre ciclisti della provincia di Palermo: Giuseppe Di Fiore, Pecoraro e Nino Catalano. Tutti e tre frequentavano il negozio di biciclette e articoli sportivi dei F.lli Daricello, in P.zza S.Francesco di Paola a Palermo, gestito da Raffaele Daricello, detto Alfredo e per l'appresso chiamato lo zio Alfredo(colui che scrive è suo nipote). Il padre di Nino Catalano era un venditore ambulante di frutta e verdura e girava e piazzava la merce su una carretta, aiutato anche dal figlio. Nel 1953 Nino Catalano si era già messo in evidenza vincendo la tappa a cronometro del Giro di Puglia e Lucania con partenza da San Severo e arrivo a Foggia per un totale di 30 km. Lo zio Alfredo era in contatto con Costante Girardengo perchè vendeva le sue biciclette, le biciclette Girardengo. Quando scendeva a Palermo Girardengo incontrava lo zio al negozio. Lo zio venne a sapere che Costante Girardengo stava per formare una squadra di ciclismo a livello professionistico e gli segnalò Giuseppe Di Fiore(che aveva militato nella società sportiva Cannatella di Palermo)e Nino Catalano, che militava nel Gruppo sportivo Montegrappa. E nel 1958 nell'organico della Cali Broni-Girardendo-Libertas entrarono Nino Catalano e Giuseppe Di Fiore. Il capitano di questa squadra era Aldo Moser, fratello più grande di 17 anni del più noto Francesco Moser. Lo zio Alfredo era un tifoso appassionato di ciclismo e di Nino Catalano in particolare. Spesso gli forniva gratis i tubolari speciali e altro corredo per ciclista ed una volta anche una bella bicicletta da corsa. Nel suo negozio c'era in evidenza una grande foto che ritraeva lo zio Alfredo insieme a Costante Girardengo quando era venuto al negozio di P.zza S.Francesco diPaola, e nel negozio le foto di Nino Catalano non si contavano. Nel 1958 con la maglia della squadra Allegro, formata quasi interamente da componenti della squadra Cali Broni, Nino Catalano partecipa al Giro della Svizzera. Molto probabilmente Nino non aveva compiti particolari di gregario e si potè esprimere alla meglio. Fu secondo nella quinta tappa e ottenne il primo posto in classifica vestendo la maglia oro. Nella sesta tappa fu pure secondo al traguardo, ma Pasquale Fornara, primo al traguardo gli strappò la maglia oro. Nella classifica finale vinse Pasquale Fornara davanti al tedesco Hans Junkermann e a Nino Catalano. Per queste sue buone prove fu prescelto per la squadra azzurra che partecipava al Tour de France. Anche in quest'occasione Nino si mise in grande evidenza e terminò 19° in classifica generale, terzo degli italiani, dopo il secondo posto di Vito Favero e il quinto di Gastone Nencini, contribuendo a far piazzare la squadra azzurra al 2° posto finale dietro quella belga, mentre nella classifica finale per scalatori fu 6°, secondo degli italiani dopo Gianni Ferlenghi. In quel Tour Nino si mise in evidenza nella 20.ma tappa, una tappa di montagna, la Gap - Briançon. In quella tappa vinse Federico BAHAMONTES in 5h 18' 35", 2° fu Antonino CATALANO a 00' 50", 3° Gastone NENCINI a 02' 02", 4° Jacques ANQUETIL a 03' 51" . Ma Nino Catalano aveva promosso la grande fuga ed era passato primo sul Colle "du Vars". Lo stesso anno Nino Catalano aveva partecipato ad aprile alla corsa a tappe La Vuelta a la Rioja (da non confondere col giro di Spagna) e aveva vinto la 4.ta tappa con arrivo a Logrono. Sempre ad aprile aveva ottenuto la terza posizione finale nel Giro di Sicilia a tappe organizzato dalla Birra Messina. Partecipa pure al Giro d'Italia 1958, sempre con la Calì Broni-Girardengo, dove conquista la 30.ma posizione finale(primo della sua squadra, pur non essendo il capitano), 15° fra gli italiani, prima di F.Coppi(32°) e di Vito Favero(35°), che sarà secondo al Tour, e si piazza tra i primi dieci in 3 tappe. Già nel corso del 1958 Nino Catalano aveva indossato la maglia della Bianchi ed oltre a militare con la squadra svizzera "Allegro" aveva militato anche nella squadra svizzera della Tigra. Nel 1959 Nino Catalano al Giro d'Italia si comporta molto bene, specie nelle tappe a cronometro, vedi l'ordine d'arrivo delle tre tappe a cronometro:

Tappa n. 7: 22 maggio 8 km. a cronometro individuale sulle strade che vanno sul Vesuvio.
Ordine d'arrivo

Charly Gaul 22min 46sec
Guido Boni a 37sec
Miguel Poblet a 39sec
Antonio Catalano a 50sec
Jacques Anquetil a 52sec
Hilaire Couvreur a 1min 3sec
Ercole Baldini a 1min 8sec
Adriano Zamboni a 1min 11sec
Imerio Massignan a 1min 14sec
Pasquale Fornara a 1min 22sec

Tappa n.8: 23 maggio, 31 km. a cronomwetro indiduale sulle vie dell'Isola d'Ischia.
Ordine d'arrivo

Antonino Catalano: 52min 23sec
Jacques Anquetil a 52sec
Rik van Looy a 1min 7sec
Diego Ronchini a 1min 8sec
Adriano Zamboni s.t.
Charly Gaul a 1min 14sec
Guido Boni a 1min 18sec
Hilaire Couvreur a 1min 25sec
Miguel Poblet a 1min 31sec
Rolf Graf a 1min 32sec

Tappa n.19: 4 giugno 51 km. a cronometro individuale, Torino - Susa.
Ordine d'arrivo
Jacques Anquetil: 1hr 4min 8sec
Ercole Baldini a 1min 20sec
Diego Ronchini a 1min 49sec
Charly Gaul a 2min 1sec
Rolf Graf a 2min 4sec
Antonio Catalano a 3min 19sec
Miguel Poblet a 3min 21sec
Ernesto Bono a 3min 30sec
Nino Defilippis a 3min 32sec
Guido Carlesi a 3min 58sec
Rik van Looy a 4min 11sec
Gastone Nencini a 4min 15sec


In classifica generale conquistò il 25° posto, ma non si distinse nelle tappe in linea mentre il capitano della Bianchi Diego Ronchini conquistò il 3° posto nella classifica generale. Lo zio Alfredo era convinto che gli impegni di squadra , il suo compito di gregario, non gli avessero consentito di tentare di inserirsi nelle fughe. Nel 1959 Nino si aggiudicò la quinta tappa, con arrivo a Reggio Calabria, nel Gran Premio Ciclomotoristico. Nel 1960 sempre con la Bianchi partecipa al Giro d'Italia, ma quell'anno le soddisfazioni per Nino furono poche. Ottenne il 55° posto in classifica generale, fu 10° nella settima tappa(semitappa) a cronometro di 5 km., che si disputò a Igea Marina, e sempre 10° nella 13.ma tappa con arrivo in salita a Serra. Nel 1961 Nino passa nella squadra dell'Atala-Pirelli, partecipa al Giro d'Italia, ma si ritira. Dal Giro e dal ciclismo professionistico a 29 anni. In quel periodo molti corridori si ritiravano, anno più, anno meno, intorno a ai 30 anni. Era cominciato il suo declino? Lo zio Alfredo sosteneva che probabilmente il gioco, il sacrificio di corridore destinato, sacrificato a fare il gregario, non valeva la candela, la continuazione. Certo un declino c'era stato. Nino correva da tanti anni, da quando aveva 16, 17 anni. Nelle tappe a cronometro già nel 1960 non fu brillante come nel 1959. Allora gli emolumenti dei ciclisti non erano elevati. I premi ai vincitori delle corse, dei vari traguardi erano più allettanti. Nino con i primi soldi che guadagnò da professionista comprò al padre una Piaggio Ape per il suo lavoro di venditore di frutta e verdura. Ogni anno l'USSI Sicilia assegna, per ricordare il ciclista palermitano, il "Premio Nino Catalano" a una persona che in campo sportivo ha lasciato un segno specie in ambito siciliano.

Filmato sulla 20ma tappa Gap-Briançon del Tour del 1958 Foto e ricordo di Nino Catalano e Alfredo Daricello
Ritorna all'articolo di presentazione

a cura di Salvatore La Grassa
Vendita libri letti una volta, come nuovi, in ottimo stato
Lo Cunto de li cunti di Giambattista Basile commentato da Salvatore La Grassa

Se ti piace condividi la pagina..............


info-policy e webmaster
Contatti
Link reciproci
news sito

Recensioni figures action figures

RSS cultura&ricerca


Ultima modifica: 29/12/2018 00:45:13
There have been 1872 since 20/05/2019


Navigando questo sito accetti l'uso di Cookies e altri sistemi funzionali all'analisi del traffico e al funzionamento del sito web, puoi negare il consenso tramite le impostazioni del tuo browser. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di tempo. Pertanto non deve essere considerato un prodotto editoriale soggetto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III, della Legge 07.03.2001, n. 62. Sito ottimizzato impostazione schermo di 1024X768 pixel. - Tutti i diritti riservati Copyright 2011 - 19