NOTIZIE TASI IMU



figure
action figure
statue
resolution shop.it tante
offerte
Statuine
collezione
Bandai
Banpresto
Good Smile
Diamond S.
Hot Toys
Squarenix
pronta consegna
Furyu
DC Comics
Ubisoft
Kotobukiya
Funko
Mezco,Neca
Game of Thrones
McFarlane resolution


Le novità per il 2016 sulla tasse IMU e TASI

Due importanti novità riguardano il pagamento delle tasse IMU(sulle case oltre la prima e altri immobili) e TASI(sulla prima casa) dalla legge di stabilità approvata a fine dicembre 2015. Riguardano principalmente un beneficio fiscale per le case concesse in comodato d’uso gratuito. Le tasse in questione saranno infatti pagate al 50%, ma la riduzione si applicherà anche a coloro che possiedono nello stesso comune un altro immobile e che quindi concedono in comodato a figli o genitori la propria seconda casa.

La seconda novità riguarda coloro che concederanno la seconda casa in affitto a canone concordato, per i quali le imposte saranno ridotte al 25%.

Per le tasse sulla casa sono previste, quindi, le seguenti agevolazioni:
• IMU al 50% per la seconda casa concessa in comodato d’uso gratuito a figli o genitori;
• IMU sconto del 25% per la seconda casa affittata a canone concordato.

Anche per le case in comodato condizione essenziale per usufruire dello sconto è che gli immobili non siano di lusso e quindi non rientrino nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.

Il comodato d’uso gratuito della casa di abitazione a figli o genitori è una situazione che secondo l’ISTAT interessa l’8% delle famiglie italiane. Tale agevolazione è analoga a quella concessa per gli immobili storici o inagibili. Infatti all'articolo 13 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, al comma 3, dove vengono previste le riduzioni di base imponibile per gli immobili storici o inagibili, e prima della lettera a) è inserita la seguente lettera:
La base imponibile è ridotta del 50 per cento:
« per le unità immobiliari, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale, a condizione che il contratto sia registrato e che il comodante possieda un solo immobile in Italia e risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato; il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante oltre all’immobile concesso in comodato possieda nello stesso comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, ad eccezione delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9; ai fini dell’applicazione delle disposizioni della presente lettera, il soggetto passivo attesta il possesso dei suddetti requisiti nel modello di dichiarazione di cui all’articolo 9, comma 6, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23»;
Si tratta di una impostazione molto restrittiva che limita le possibilità del comodato gratuito a pochi casi: si deve essere proprietari di un solo immobile oppure di 2 immobili, gli immobili devono essere ubicati nello stesso comune e uno dei due deve essere necessariamente abitazione principale del proprietario. Con la condizione che l'immobile (o i due immobili) sia presente nello stesso comune dove il proprietario ha la residenza e la dimora abituale.
Il MEF ha pubblicato la Nota MEF comodati gratuiti Circolare N. 1/DF del 17 febbraio 2016, in cui chiarisce i requisiti, i dettagli e l'applicazione del Comodato gratuito con riduzione del 50% della base imponibile.
Per "immobile", come specificato dal MEF durante Telefisco 2016 e dalla Circolare N.1/DF/2016, deve intendersi un immobile ad uso abitativo ("laddove la norma richiama in maniera generica l'immobile, la stessa deve intendersi riferita all'immobile ad uso abitativo").
Vanno considerate anche le pertinenze secondo i limiti previsti per l'abitazione principale (massimo 3 pertinenze, una per ogni categoria catastale C2, C6 e C7)
Quindi il possesso di altra tipologia di immobile come un terreno agricolo, un'area edificabile o un capannone non esclude la possibilità di usufruire della riduzione del 50%, purchè gli immobili ad uso abitativo siano massimo 2, entrambi situati nel comune di residenza del proprietario ed uno dei risulti essere abitazione principale del proprietario.
Durante Telefisco 2016 è stato anche specificato che la riduzione si applica anche agli immobili storici che già beneficiano di riduzione del 50% e quindi in caso di comodato gratuito di un immobile storico si avrebbe una base imponibile ridotta al 25%(fonte amministrazionicomunali-it).

Di seguito indirizzi notevoli per il calcolo IMU e TASI.

Riscotel.it

Si invitano i Contribuenti a verificare sempre il regolamento approvato dal Comune di ubicazione dell'immobile.

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate, a questo indirizzo, è disponibile il servizio per la consultazione delle rendite catastali. È sufficiente indicare nei campi di ricerca del modulo:
1)il proprio codice fiscale;
2)gli identificativi catastali (Comune, sezione, foglio, particella);
3)la provincia di ubicazione di un qualsiasi immobile.

CalcoloIUC è un servizio offerto da ANUTEL e realizzato da Advanced Systems s.r.l.

I VERSAMENTI VANNO EFFETTUATI IN BANCA O PRESSO GLI UFFICI POSTALI CON IL MODELLO F24


figure
action figure
statue
resolution shop.it tante
offerte
Statuine
collezione
Bandai
Banpresto
Good Smile
Diamond S.
Hot Toys
Squarenix
pronta consegna
Furyu
DC Comics
Ubisoft
Kotobukiya
Funko
Mezco,Neca
Game of Thrones
McFarlane resolution


intopic.it

inTOPIC