figure
action figure
statue
resolution shop.it tante
offerte
Statuine
collezione
Bandai
Banpresto
Good Smile
Diamond S.
Hot Toys
Squarenix
pronta consegna
Furyu
DC Comics
Ubisoft
Kotobukiya
Funko
Mezco,Neca
Game of Thrones
McFarlane resolution

M.I.D.I.

M.I.D.I. e' l'acronimo di Musical Instrument Digital Interface e indica il protocollo standard per l'interazione degli strumenti musicali elettronici. E' un linguaggio informatico, peraltro datato, anni 90, intensamente utilizzato nella produzione di musica elettronica. E' un formato, comunque, che non è stato superato in quanto direttamente connesso al pentagramma. Il formato MP3 non ha questa caratteristisca.
Il midi e il karaoke avvicinano i popoli perchè la musica è un linguaggio universale, questo e' ancora il nostro editto.
Sono pubblicati pure antichi motivi popolari siciliani in formato "midi". Sono presenti antichi canti e ballate del popolo siciliano raccolti da Alberto Favara nel Corpus di musiche popolari siciliane (C.M.P.S.), moltissime canzoni napoletane, alcuni canti popolari dei diversi dialetti italiani ed alcune canzoni italiane molto famose. Si č ritenuto, quando č stato possibile, affiancare al file m.i.d.i. anche un filmato Youtube.

I miti

I miti sono delle narrazioni a fondamento di rituali, cerimonie religiose, credenze, consuetudini, tradizioni e sono spesso ritenuti fonte di conoscenza, spesso si ritengono rivelati, in sogno o in visione, da parte di una divinità, o dall'animale fondatore, l'antenato, l'eroe, da uno spirito dell'oltretomba, da uno spirito custode. In questo sito, come puro esercizio di pensiero, si riporta qualche mito, si fa una analisi a qualche fiaba, a qualche festa, certamente dopo qualche ricerca e qualche lettura specialistica. Colui che scrive ha la convinzione che lo studio dei miti e delle fiabe sia basilare per comprendere il pensiero e il linguaggio umano. Linguaggio che l'uomo moderno, contemporaneo ha ereditato e che per tanta parte vive celato in un metaforico iceberg. Quelli che altri chiamano archetipi e/o anche archetipi collettivi, non sono altro che questo linguaggio che noi non possediamo e che ci č stato trasmesso o che abbiamo appreso con lo studio. L'uomo, piů di tutti gli altri animali, ha sviluppato il linguaggio ed ha aperto nuove strade.


In un sito web apposito tutti i cunti del Pentamerone di Giambattista Basile (nato a Napoli 1575 morto a Giugliano-NA nel 1632) commentati da Salvatore La Grassa in una prospettiva diacronica etno-folklorico-culturale. Riportati i tipi e i motivi dei cunti in accordo con Aarne e Thompson: "The types of the folk-tale" Helsinki, 1928, e in accordo con Stith Thompson:"Motif-index of folk-literature" Helsinki 1932: secondo l'opera di Norman Mosley Penzer, The Pentamerone of Giambattista Basile Londra 1932 con traduzione e qualche aggiunta di Salvatore La Grassa(SLG), webmaster di questo sito web. L'immagine dei mostri riportati a sinistra si riferisce a statue di mostri presenti nel parco della villa di Bomarzo(Viterbo). La villa fu creata dal principe Pierfrancesco Orsini nel 1552, per lenire il dolore dopo la morte della moglie Giulia Farnese. Nulla vieta di immaginare che opere artistiche come il Pentamerone e altre opere barocche siano statue influenzate da questo gusto del mostruoso di quel tempo. Per questo motivo nei commenti dei cunti si pone l'attenzione sul comportamento dei mostri, presunti cannibali. Colui che scrive ritiene che molto poco hanno dedicato gli studiosi ai cunti del Basile, in specie gli studiosi della scuola diffusionistica. Il seguente è anche un lavoro che cerca di porre rimedio a questa noncuranza. Nello stesso sito personale (www.salvatorelagrassa.eu) sono state create altre pagine su miti e fiabe: uno studio sui miti di Pelope e dei Frigi di 10 articoli e uno studio sulla fiaba di Cappuccetto rosso del Perrault e dei F.lli Grimm, 20 articioli; ed inoltre uno studio sulle versioni popolari di Cappuccetto rosso, 13 articoli.

Lo Cunto de li cunti di Giambattista Basile commentato da Salvatore La Grassa


vendita di libri letti una volta, come nuovi, in ottimo stato.
Tutti i libri in vendita secondo l'iniziale del nome dell'autore


Lettera A Lettera B-Be Lettera Bi-Bz Lettera C1 Lettera C2 A.Camilleri A.Camilleri 2 Casati Modignani Lettera D-E Lettera F Lettera G-Gi Lettera Gl-Gz Lettera H-I-J Lettera K-Le Lettera Lf-LZ Lettera M-Me LetteraMi-Mz Lettere N-O Lettera P Lettera Q-R Lettera S-Sl LetteraSm-Sz Lettera T Lettera U-V Lett.da W a Z AA.VV. Dizionari Guide Lista libri

I mici


Micio Bavaglino


Ai files m.i.d.i. e ai miti abbiamo aggiunto i mici. Nella ricerca di una parola affine alle prime due da un punto di vista fonetico, ma complementare come significazione, abbiamo scelto "mici". In un certo qual senso equivale ad amici che si tengono sempre in contatto e informati tra loro anche per quello che avviene al di fuori del loro rapporto. E' un settore del sito che parla di ciò che è attuale, delle notizie che si rincorrono, del mondo di oggigiorno fatto di telefonia mobile, di videogames, di calcio(da livescore.in), sport, di economia, di lavoro che si cerca, di calcoli da fare per affrontare la vita quotidiana. C'è pure un gatto che tira zampate di fondo ironiche. L'animale gatto, il micio per intenderci, rientra nel quadro di questo settore perché è un amico dell'uomo, ma è anche un animale semi-domestico o semi-selvaggio, ed è notorio il fatto che abbia un atteggiamento diffidente, fuorché probabilmente con persone o animali con cui ha convissuto i primi giorni di vita. Un gatto allevato in casa è più facile che si adatti a vivere per strada, in campagna, rispetto a un cane abbandonato. L'uomo, per questo, vede nel gatto, il carattere della primitività che indubbiamente ha perso, e cui sopperisce con una miriade di informazioni, ed anche con la ricerca nei campi più disparati. Anche la cura per i gattini della mamma gatta da sostegno al nostro assunto. La gatta femmina sembra sia più accorta del maschio, proprio per la sua funzione procreativa.